Kakanen e Gnammagnam

In una jungla lontana, sperduta e incontaminata vive un popolo che ha un comportamento alquanto strano, il loro nome è Kakanen. In un lontano passato questa popolazione veniva facilmente attaccata da alcune tribù di cannibali che vivevano nella stessa jungla: i Gnammagnam.

Il rischio maggiore i Kakanen lo correvano quando dovevano fare i bisogni, soprattutto quando necessitavano di defecare. I Gnammagnam aspettavano che un Kakanen  si appartasse nel folto della jungla per sorprenderlo accovacciato tra le piante e colpirlo con le loro frecce avvelenate e poi trasportarlo al loro villaggio e mangiarselo bollito con le cipolle o arrosto con le patate.

Per limitare i rischi i Kakanen impararono a contenere lo stimolo e fare la popò solo quando erano in un posto sicuro. E così, trattieni oggi trattieni domani, i Kakanen ridussero sempre di più la frequenza delle loro defecazioni. Una volta alla settimana, poi una volta al mese ed infine una volta all’anno. Ecco questo è lo strano comportamento: fanno la cacca una sola volta all’anno.

Ciò ha comportato anche importanti vantaggi collaterali, per esempio spendono pochissimo in carta igienica. Qualche difficoltà invece la patiscono gli stitici che possono stare alcuni anni senza evacuare.

Ogni Kakanen ha una data diversa per questo avvenimento che viene festeggiato da parenti e amici come da noi si fa con il compleanno. E’ un momento molto importante, intanto perché liberarsi delle feci di un anno intero è un grandissimo sollievo e poi c’è un enorme produzione di concime che viene usato per fertilizzare parecchi ettari di terreno. Certo non è un evento cui sia molto piacevole partecipare, eppure per i Kakanen è una grande festa: ballano, cantano, rullano i tamburi (così coprono i rumori molesti), bruciano essenze profumate (così coprono gli odori molesti) e alla fine fanno un bel banchetto anche perché, dopo un tale svuotamento, il festeggiato si sente la pancia parecchio vuota.

E come i Kakanen festeggiano così i Gnammagnam sono diventati tristi. C’è un solo evento che li rende euforici e li manda in visibilio ed è quando i Kakanen sono colpiti da un’epidemia di dissenteria. In questo caso i Gnammagnam si mettono a cantare e a ballare come se fossero sul sambodromo di Rio de Janeiro il martedì grasso, ed allegri ed ilari si preparano per la caccia.

 

Share